Casa Famiglia “Lucia Mariti”

Casa Famiglia “Lucia Mariti”

Gruppo Appartamenti “Lucia Mariti”

La Cooperativa Sociale Radici Onlus è felice di annunciare l’apertura della casa famiglia “Lucia Mariti”. La struttura potrà ospitare dieci ragazzi provenienti da contesti sociale difficili, ed ha come obiettivo il reinserimento di questi ragazzi nei rispettivi percorsi scolastici e lavorativi. Tutto ciò che riguarda la gestione della Casa, gli orientamenti educativi e le scelte pragmatiche, è deciso dall’equipe che è di natura multidisciplinare. Gli Operatori possiedono conoscenza, comprensione ed esperienza nell’ambito delle tematiche dello sviluppo infantile e dell’adolescenza. L’inserimento del Minore nel Gruppo Appartamento avviene secondo i seguenti criteri: Età – Sesso – Tipologia del Disagio. 

La giornata all’interno della Struttura è scandita da precise attività finalizzate ad una costruttiva e proficua permanenza, per questo motivo oltre alle attività di routine che normalmente si eseguono nella vita quotidiana di una casa, si organizzano laboratori specifici, attività ludico-sportive, favorire l’inserimento del minore in gruppi e attività esterne. La permanenza degli ospiti è organizzata secondo uno stile di vita comunitario, gestione della casa, cura degli ambienti, condivisione degli spazi collettivi e personalizzazione degli spazi individuali. Ogni ragazzo avrà un proprio piano educativo personalizzato (Pei). Al progetto, fortemente voluto dal presidente di Radici onlus, Stefano Ciucci, collabora un’equipe formata da giovani professionisti educatori e psicologi. Il Gruppo Appartamento nasce con lo scopo di offrire un contesto di tipo familiare ai minori a rischio devianza e in tutti quei casi nei quali è necessario l’allontanamento dal proprio contesto familiare.

Alcuni degli degli obiettivi di questo progetto sono: il completamento del percorso scolastico – acquisizione di autonomia personale e sociale – recupero delle abilità cognitive – inserimento lavorativo – inserimento nei circuiti scolastici – Cura della propria persona – gestione del denaro – recupero delle abilità di comunicazione e del linguaggio- organizzazione spazio temporale.

La fase di dimissione, in quanto fase conclusiva di tutto il percorso educativo, è sempre un momento molto delicato, rappresenta il raggiungimento degli obiettivi educativi definiti nel PEI.

Rispondi

Your email address will not be published.